Discernere un'imitazione | World Challenge

Discernere un'imitazione

Gary WilkersonSeptember 9, 2019

"E ora, ecco, io so che voi tutti fra i quali sono passato predicando il regno, non vedrete più la mia faccia." (Atti 20:25).

Paolo proclamò incessantemente il vangelo di Gesù Cristo e insegnò alle chiese giorno e notte. Subì forti persecuzioni ovunque andasse e quando, per mezzo dello Spirito Santo, seppe che sarebbe stato martirizzato, radunò gli anziani della chiesa di Efeso. Mentre condivideva il suo amore per loro, li lasciò anche con un'importante direttiva.

“Io so che dopo la mia partenza si introdurranno fra di voi lupi rapaci, i quali non risparmieranno il gregge; e anche tra voi stessi sorgeranno uomini che insegneranno cose perverse per trascinarsi dietro i discepoli. Perciò vegliate …" (20: 29-31). Paolo dette due avvertimenti: uomini perversi entreranno dall'esterno e persino il tuo stesso popolo parlerà cose distorte.

Le cose distorte possono essere quasi giuste, ma su di sé hanno quella deviazione sufficiente ad attirare i credenti. Anche una leggera modifica della teologia, una piccola alterazione della dottrina, un estremismo folle può indurre le persone a deviare dalla verità. Paolo trascorse la sua vita a spiegare appassionatamente la Parola di Dio in modo che i suoi seguaci potessero discernere una imitazione. Voleva che fossero edificati in modo tale da non essere scossi o deviati.

"E ora, vi affido a Dio e alla Parola della sua grazia, la quale può edificarvi e darvi l'eredità di tutti i santificati." (20:32). Paolo voleva che gli anziani tornassero nelle loro chiese e vedessero che la Parola di Dio era stata insegnata correttamente.

Viviamo in una cultura cristiana che è distorta al punto da non essere più riconoscibile. Ti esorto a studiare la Parola di Dio e a camminare a stretto contatto con il Signore affinché tu possa crescere nel discernimento. Conoscendo la cosa reale, non sarai attratto da qualcosa di natura contraffatta.

Download PDF