ORGOGLIO FERITO | World Challenge

ORGOGLIO FERITO

David Wilkerson (1931-2011)June 6, 2019

Nonostante in chiesa si parli di perdono, arresa e guarigione, i cristiani dimostrano molto poco tutto questo. A tutti piace pensare a noi stessi come a coloro che portano pace, risollevano i caduti che perdonano e dimenticano sempre. Ma anche i più spirituali sono colpevoli di non mostrare uno spirito di perdono.

Troviamo difficile perdonare coloro che hanno ferito il nostro orgoglio, qualcuno che si è dimostrato ingrato o chiunque ci abbia ingannato. La maggior parte dei cristiani non conosce la prima cosa da fare per gestire la critica. Impieghiamo ogni tipo di metodo per nascondere il nostro risentimento e diventiamo abili nel difenderci con un'eloquenza magistrale. Sì, l'orgoglio ferito è qualcosa di terribile.

Spesso, prima di poter perdonare gli altri, dobbiamo imparare a perdonare Dio. Sebbene Dio non abbia mai peccato contro nessuno, ciò non ci impedisce di nutrire rancore verso di lui. Andiamo alla sua presenza per pregare, ma nutriamo sentimenti negativi nei suoi confronti perché pensiamo che non abbia fatto ciò che invece pensavamo avrebbe dovuto fare. Una preghiera può essere rimasta senza risposta per settimane, mesi, persino anni. Oppure si presenta una malattia inaspettata o tragicamente muore una persona a noi cara e la fede inizia a vacillare.

Ricorda, la Parola di Dio dice molto chiaramente che una persona che esita non riceverà mai nulla da Dio: “Ma la chieda con fede, senza dubitare; perché chi dubita è simile a un’onda del mare, agitata dal vento e spinta qua e là. Un tale uomo non pensi di ricevere qualcosa dal Signore, perché è di animo doppio, instabile in tutte le sue vie” (Giacomo 1:6-8).

Gesù capì questa tendenza dei suoi figli a tenere rancore contro il cielo quando le montagne non si spostano nei tempi previsti. Egli avvertì Pietro di non chiedere nulla quando si trovava alla presenza di Dio, a meno che non perdonasse a sua volta. “Quando vi mettete a pregare, se avete qualcosa contro qualcuno, perdonate; affinché il Padre vostro, che è nei cieli, vi perdoni le vostre colpe” (Marco 11:25).

Se hai un rancore segreto nel tuo cuore contro un'altra persona o contro il cielo, lascia che lo Spirito del perdono vi entri dentro. Dio è fedele!

Download PDF