La rivelazione della gloria di Dio | World Challenge

La rivelazione della gloria di Dio

David Wilkerson
December 30, 2013

Secondo la bibbia, ogni credente può vedere la gloria del Signore; infatti, Dio dice che rivelerà la sua gloria a tutti coloro che la ricercano. Per quale ragione è importante comprendere la gloria di Dio? Perché la rivelazione della sua gloria ha lo scopo di equipaggiare il suo popolo per affrontare le tempeste della vita. Secondo Paolo questa rivelazione: «può edificarvi e darvi l'eredità di tutti i santificati.» (Atti 20:32).

In cosa consiste la gloria di Dio? Nonostante ciò che credono alcuni cristiani, non è un qualche tipo di manifestazione fisica. Non è nemmeno un senso di estasi o una luce sovrannaturale che esplode intorno a noi. Molto più semplicemente, la gloria di Dio è la rivelazione della sua natura e dei suoi attributi. Quando il Signore sceglie di mostrarci la sua gloria, ci rivela quanto desidera farsi conoscere da noi.

Quando il Signore mandò Mosè a liberare Israele, gli disse: «vai e dì che l'io sono ti manda.» Però, non diede alcuna spiegazione riguardo all'identità di questo “Io sono”, quindi Mosè implorò:  «Ti prego, fammi vedere la tua gloria! » (Esodo 33:18). Mosè desiderava ardentemente conoscere l'Io sono, l'essenza della sua natura e del suo carattere.

Dio rispose alla preghiera di Mosè. Gli disse di nascondersi nella fenditura di una roccia e aspettare il suo passaggio. Mentre attendeva, Mosè non vide tuoni e luci, né sentì la terra tremare. Invece, la gloria di Dio gli giunse come una semplice rivelazione: «Il SIGNORE passò davanti a lui, e gridò: «Il SIGNORE! il SIGNORE! il Dio misericordioso e pietoso, lento all'ira, ricco in bontà e fedeltà, che conserva la sua bontà fino alla millesima generazione, che perdona l'iniquità, la trasgressione e il peccato ma non terrà il colpevole per innocente; che punisce l'iniquità dei padri sopra i figli e sopra i figli dei figli, fino alla terza e alla quarta generazione!» (34:6-7).

Possiamo così vedere che quando Dio rivela la sua gloria, lo fa con un proposito in mente. Permise a Mosè di vedere la sua gloria in modo che potesse essere cambiato da questa nuova comprensione. La stessa cosa vale per noi oggi. Dio rivela la sua gloria in modo che possiamo essere rassicurati nel corso del nostro cammino.

Gesù Cristo è l'espressione dell'immagine di Dio. Il padre mise tutte le sue caratteristiche nel figlio. Quando il nostro Signore venne nella carne, portò una completa rivelazione della natura di Dio; la sua pietà, grazia, bontà e volontà di perdonare. «perché in lui abita corporalmente tutta la pienezza della Deità» (Colossesi 2:9). «Egli, che è splendore della sua gloria e impronta della sua essenza [personalità, natura]» (Ebrei 1:3).

Tutto questo è valido ancora oggi, per chiunque riceva una rivelazione della gloria di Dio. Noi che siamo in Cristo, dovremmo divenire sempre di più un'espressione della natura amorevole, pietosa e clemente di Dio. Paolo disse che l'osservare la gloria di Dio porta a una trasformazione dell'osservatore: «E noi tutti, a viso scoperto, contemplando come in uno specchio la gloria del Signore, siamo trasformati nella sua stessa immagine, di gloria in gloria, secondo l'azione del Signore, che è lo Spirito» (2 Corinzi 3:18).

Paolo ha anche detto che dobbiamo continuare a cercare la rivelazione della gloria di Dio, in modo da poter essere radicati in essa: «perché, radicati e fondati nell'amore, siate resi capaci di abbracciare con tutti i santi quale sia la larghezza, la lunghezza, l'altezza e la profondità dell'amore di Cristo e di conoscere questo amore che sorpassa ogni conoscenza, affinché siate ricolmi di tutta la pienezza di Dio » (Efesini 3:17-19). In pratica, sta dicendo: «Continuate a cercare la gloria di Dio finché la sua rivelazione non proromperà in voi.»

Il primo effetto della gloria di Dio è un cambiamento nella nostra relazione con lui.

Quando Mosè vide la rivelazione della gloria di Dio, la sua straordinaria e meravigliosa natura, cadde sulle ginocchia e cominciò ad adorare. «Mosè subito s'inchinò fino a terra e adorò» (Esodo 34:8). Mosè si mise ad adorare perché fu estremamente colpito da ciò che vide, da quanto Dio sia paziente, pietoso e amorevole con i suoi figli, anche quelli che lo rattristano.

Mosè adorò anche se non era pieno di speranza per Israele. Sapeva che il popolo sarebbe ricaduto nei suoi peccati. In quello stesso istante, nell'accampamento stavano nascondendo i piccoli idoli dorati che avevano portato dall'Egitto. Mosè deve aver pensato: “Come farò a tenere unito e in vita questo popolo? Quando la loro idolatria esaurirà al pazienza di Dio?”

Eppure, il Signore non aveva alcuna intenzione di distruggere il suo popolo. Era come una 'prova di pietà' per Mosè. Il Signore gli stava chiedendo: “Come mi mostrerai al popolo? Come un Dio vendicativo portatore di giudizio? O come un Dio pietoso e paziente, sempre pronto a perdonare?”

Questa rivelazione della gloria di Dio mise pace nel cuore di Mosè! Egli pregò subito immediatamente: «Ti prego, Signore, se ho trovato grazia agli occhi tuoi, venga il Signore in mezzo a noi, perché questo è un popolo dal collo duro; perdona la nostra iniquità e il nostro peccato!» (vedi Esodo 34:9).

La rivelazione della gloria di Dio dovrebbe essere la fonte di tutto il nostro culto. Dovremmo ricercare continuamente la sua gloria, affermando questo: “Signore, so che sei santo e giusto, e non hai alcuna comunione col peccato. Ma ho anche visto la tua gloria e, attraverso di essa, so che non sei qui per distruggermi.

“Non mi condanni nelle mie difficoltà. Ho fallito così tante volte che dovrei essere già stato messo da parte, ma tu continui a mostrare quanto sei paziente e amorevole nei miei confronti.”

Nei molti anni del mio ministerio, ho sentito molte volte la disciplina del Signore come un bastone sulla schiena. Una volta fui terribilmente diffamato. Ero fisicamente distrutto dalla continua battaglia.

Un giorno Dio mi fece notare la preghiera di Geremia: «SIGNORE, correggimi, ma con giusta misura; non nella tua ira, perché tu non mi riduca a poca cosa! » (Geremia 10:24). Le parole di Geremia divennero la mia preghiera giornaliera durante i periodi di prova. Pregavo così: “Signore, castigami e giudicami se devi. Ma, ti prego, non farlo con rabbia. Se sentirò un'altra parola irosa, mi distruggerà.”

Ogni volta che pregavo in questa maniera, sentivo la voce del Signore sussurrarmi: “David, ho scelto di correggerti perché ti amo. Questa prova non riguarda il mio giudizio. Io sono pietoso, gentile, amorevole e paziente verso di te. Ora, alzati e osserva la mia gloria.”

La conoscenza della sua gloria, la sua natura e il suo carattere, mi portarono in un luogo di assoluto riposo. In effetti, una volta che abbiamo questa rivelazione della gloria di Dio, non dobbiamo più temere di essere corretti a causa della sua rabbia. Io Signore porta il suo bastone con mano amorevole, e se ci disciplina è solo con profonda compassione. Amati, tutti quelli che seguono realmente Dio ricercano la benedizione delle sue promesse. Vedono la sua gloria attraverso il suo amore per loro e si servono di essa per riposare le proprie anime angustiate.

Un secondo effetto del vedere la gloria di Dio è un cambiamento di espressione.

«I figli d'Israele, guardando la faccia di Mosè, vedevano la sua pelle tutta raggiante » (Esodo 34:35)
L'espressione di una persona è la dimostrazione esteriore del suo cuore. In questo versetto, il volto di Mosè rifletteva la gloria di Dio nella sua anima.

Puoi bearti della presenza di Dio quanto vuoi. Tuttavia, la rivelazione dalla sua gloria in te è tutta un'altra cosa. Paolo testimoniò: «Ma Dio che m'aveva prescelto fin dal seno di mia madre e mi ha chiamato mediante la sua grazia, si compiacque di rivelare in me il Figlio suo perché io lo annunciassi fra gli stranieri. » (Galati 1:15-16)

La rivelazione ricevuta da Mosè fu gloriosa, ma era una cosa destinata a svanire. La brillantezza del suo volto e del suo cuore risultavano dall'aver potuto intravedere la natura di Dio. Solo con questo, gli israeliti capirono che aveva vissuto un'esperienza sovrannaturale appena lo videro.

Ai giorni nostri abbiamo qualcosa di ben più glorioso di quello che ricevette Mosè. Possiamo toccare e conoscere la gloria di Dio: «Quel che era dal principio, quel che abbiamo udito, quel che abbiamo visto con i nostri occhi, quel che abbiamo contemplato e che le nostre mani hanno toccato della parola della vita» (1 Giovanni 1:1). Giovanni sta dicendo che: “Dio ha rivelato la pienezza della sua gloria a noi in Cristo. Abbiamo visto la sua gloria in persona. Gli abbiamo potuto parlare e toccarlo.”

Oggi noi non solo possiamo vedere la pienezza della gloria di Dio in Cristo, ma essa risiede anche in noi, risplendendo nei nostri cuori. «perché il Dio che disse: «Splenda la luce fra le tenebre», è quello che risplendé nei nostri cuori per far brillare la luce della conoscenza della gloria di Dio che rifulge nel volto di Gesù Cristo. » (2 Corinzi 4:6).

«Infatti la grazia di Dio, salvifica per tutti gli uomini, si è manifestata » (Tito 2:11). Chi è questa grazia? È Gesù Cristo, pieno di pietà, gentilezza e amore. «ci insegna a rinunciare all'empietà e alle passioni mondane, per vivere in questo mondo moderatamente, giustamente e in modo santo» (2:11). In pratica, Paolo sta dicendo che: «Questa grazia che abita in noi è la rivelazione della bontà di Cristo. Se dimorerai in lui, la sua rivelazione ti insegnerà come vivere in santità. Ti insegnerà la pietà, la grazia, la gentilezza e il perdono.»

Un terzo effetto del vedere la gloria di Dio è un cambiamento del nostro modo di relazionarci con gli altri.

Una volta ricevuta questa rivelazione della gloria divina, non possiamo continuare a trattare gli altri come prima. Tutto quanto deve cambiare. Paolo ci avverte: «Via da voi ogni amarezza, ogni cruccio e ira e clamore e parola offensiva con ogni sorta di cattiveria! Siate invece benevoli e misericordiosi gli uni verso gli altri, perdonandovi a vicenda come anche Dio vi ha perdonati in Cristo» (Efesini 4:31-32).

Dio sta parlando attraverso Paolo: “Avete visto la mia gloria e conosciuto la mia natura; io sono clemente, paziente, pronto a perdonare. Voglio che mostriate agli altri chi IO SONO.”

Quando Gesù disse: «Siate misericordiosi verso gli altri, come Dio lo è stato verso di voi», la parola 'misericordia', che ha la stessa forma in greco, significa “Prendere a cuore la miseria di qualcun altro, con l'intenzione di dargli conforto e ristoro.” Essere misericordiosi significa comprendere la sofferenza degli altri. Anche di quelli che ci hanno fatto soffrire.

Questo è esattamente ciò che il Signore fa per noi. Quante volte Gesù ha portato la nostra miseria provocata dal peccato, dandoci conforto e perdono in cambio? Quanto spesso ha asciugato le nostre lacrime e ci ha parlato gentilmente con la sua parola? Sempre.

Ho una domanda: come possiamo non riuscire a trovare nei nostri cuori la capacità di accollarci la miseria e il dolore di qualcuno che sta soffrendo? La parola 'compassione' significa: “essere colpiti, toccati, dalla miseria altrui e decidere di fare qualcosa a riguardo.”

Se hai ricevuto una rivelazione della gloria del Signore, sai cosa significa assaggiare il suo amore, la sua pietà e il suo perdono. E sei stato cambiato da questa gloria. Ora, Gesù dice: «Prendi questa gloria e risplendi nel mondo intorno a te. È ora di agire con amore, come il suo Signore ha sempre fatto per te».  Amen!

Download PDF